Informazioni generali

Si tratta di un contributo che viene richiesto al Comune ma viene erogato dall’INPS ed è destinato alle famiglie con almeno tre figli minori che hanno patrimoni e redditi limitati.

Beneficiari

Famiglie che, durante l’anno per il quale presentano la richiesta, hanno avuto presenti nel proprio nucleo familiare almeno tre figli minori, sia propri, sia del coniuge, in adozione o in affidamento preadottivo.

Requisiti

  • essere cittadino italiano o dell'Unione europea;
  • cittadino extracomunitario in possesso di permesso di soggiorno per lungo soggiornante CE o permesso Unico di lavoro;
  • rifugiato politico o avente protezione sussidiaria;
  • cittadino algerino, marocchino, tunisino, turco in possesso di permesso di soggiorno per motivi di lavoro (in forza degli Accordi euromediterranei);
  • il genitore e i tre figli devono far parte dello stessa famiglia anagrafica;
  • i minori non devono essere in affidamento presso terzi;
  • avere un ISEE Minori non superiore a € 8.788,99 (per l'anno 2020).

La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro il termine perentorio del 31 gennaio dell’anno successivo a quello per il quale viene richiesto l’assegno.

Tempi

Il Comune trasmette le domande all'Inps entro il mese di giugno dell'anno di riferimento per i pagamenti relativi al primo semestre ed entro il 31 gennaio dell'anno successivo per i pagamenti annuali o relativi al secondo semestre.

A chi rivolgersi: Servizi sociali

Orari di apertura

Lunedì e Giovedì 9:00 -11:00
Mercoledì 15:30 - 18:00

Contatti

Ultimo aggiornamento:

12/03/2020
Approfondimenti

Normativa:

  • Legge 23 dicembre 1998, n. 448 (art. 65)
  • Legge 17 maggio 1999, n. 144 (art. 50)
  • Legge 23 dicembre 2000, n. 388 (art. 80)
  • Decreto 21 dicembre 2000, n. 452, in attuazione della Legge 22 dicembre 1999, n. 488 (art. 49) e della Legge 23 dicembre 1998, n. 448 (artt. 65, 66)
  • Decreto 25 maggio 2001, n. 337, recante modifiche al Decreto del Ministero per la solidarietà sociale 21 dicembre 2000, n. 452, in materia di assegni di maternità e per i nuclei familiari con tre figli minori
  • Decreto 18 gennaio 2002, n. 34, recante modifiche al Decreto del Ministero per la solidarietà sociale del 25 maggio 2001, n. 337, in materia di assegni di maternità e per i nuclei familiari con tre figli minori.

Documentazione da presentare:

  • domanda redatta su apposito modulo;
  • copia del documento di identità;       
  • copia carta di soggiorno/permesso C.E. soggiornanti lungo periodo;
  • copia richiesta di carta soggiorno/permesso C.E. soggiornanti lungo periodo;
  • copia status di rifugiato (possesso del titolo di viaggio);
  • attestazione ISEE Minori oppure ricevuta attestante la presentazione della DSU (art. 11 c. 9 del DPCM 159/2013) se non ancora in possesso di attestazione ISEE;

Modalità di pagamento

Il contributo, se spettante nella misura intera, è di € 145,14 (per l'anno 2020) per 12 mensilità e viene erogato dall'INPS in due rate semestrali o in un'unica rata annuale a seconda della modalità con cui è stato richiesto.

Responsabili

Unità organizzativa responsabile dell'istruttoria:

Servizi sociali (Responsabile: Venturato Lara)

Responsabile del procedimento:

Titolare del potere sostitutivo (persona a cui rivolgersi in caso di inerzia nel procedimento):

Dettagli Procedimento

Modalità avvio:

Ad istanza dell'interessato

Conclusione procedimento:

Provvedimento espresso

Comunicazioni a terzi:

INPS